Era un tempo veloce,
veloce come la coda di Tuzzi quando
odora un pezzo di formaggio di montagna.
Tempo tiepido d’estate
che riscalda,
vibra, corre, profuma l’aria sulle cime.
La matita e il temperamatite
non c’erano.
Camminavamo tra pareti di rocce
sudati,
il cuore faceva fatica.
Lento, lento come te
ora musica di Novembre,
morbido come il colore
della grappa
è il tempo è la tua pelle giovane…
Corri lontano
ritorna indietro
vivi, ancora, ritorna
tempo veloce,
che si consuma come la mia matita nera.